Le riserve auree di Bankitalia

Le riserve auree di Bankitalia

Quello che farà l’Italia delle sue riserve auree continua a essere un mistero. È di questi giorni la controversia sul possibile piano del governo per rivendicare la proprietà dell’oro che è gestito e controllato da Bankitalia. La banca centrale italiana fa infatti parte dell’Eurosistema e il governo giallo verde vuole assicurarsi di poter disporre delle proprie riserve auree in caso di bisogno.
La bozza di legge a cui ha lavorato Claudio Borghi della Lega potrebbe aprire la strada alla vendita – per legge costituzionale – di oro. Con la possibilità di rimettere in sesto le finanze pubbliche e disinnescare il temuto aumento dell’IVA.
Gli investimenti retail nei lingotti e nelle monete d’oro sono saliti del 4% a 1.090,2 tonnellate. Sorprende in particolare il boom del +222% della domanda proveniente dall’Iran (a quasi 62 tonnellate).
L’interesse degli investitori finanziari è stato invece moderato. I fondi comuni ETF hanno registrato 68,9 tonnellate in più nell’anno. La cifra risulta inferiore del 67% rispetto al 2017.

admin

Lascia un commento