Benvenuto su OroToscana

Specialisti in diversificazione finanziaria e investimenti, consulenza e gestione delle riserve auree personali in oro fino 999.9, direttamente dalla fonderia.

Cosa offriamo?

La possibilità di costruire e consolidare il tuo patrimonio finanziario attraverso l'acquisto di oro fino da investimento 999.9 direttamente in fonderia.

Disponibilità

Accesso 24/24 al tuo deposito personale, protetto da password. In qualsiasi momento tu desideri, avrai la disponibilità del metallo prezioso acquistato, richiedendone la spedizione scortata ed assicurata, direttamente a casa tua.

Deposito e Custodia

Il deposito e la custodia dei tuoi metalli preziosi è garantita, certificata esternamente ed assicurata fino a 500.000 Euro nel caveau di massima sicurezza della più antica fonderia tedesca, conflict-free, la Heimerle+Meule GmbH®

Personalizzazione

Offriamo la consulenza e la possibilità di creare un deposito in metalli preziosi, personalizzandolo in base alle tue esigenze. Nessuna scadenza. Nessun vincolo di durata. Nessun obbligo di pagamento minimo. Decidi tu quando e quanto versare.

Perchè acquistare oro?

Ognuno di noi è andato almeno una volta a cena con amici a mangiare la pizza.
Nel 2001, anno in cui salutammo la patria moneta (la Lira) per una serata del genere avremmo speso circa 40.000 Lire, che tradotti sarebbero stati circa 21,00 Euro. A distanza di 18 anni, la stessa serata costa circa 45,00 Euro, ovvero il 115% in più.
Non vogliamo adesso analizzare gli aspetti macroeconomici di tale inflazione. Vogliamo solo farvi riflettere sui numeri. L'andamento dell'oro (dati LBMA - London Bullion Market Association – ovvero l'Autorithy Globale per i Prezzi dei Metalli Preziosi) ci racconta che nel 2001, 1 Kg di oro era valutato 8.381,51 Dollari (circa 7.292,00 Euro).
Lo stesso Kilogrammo di oro, oggi, attesta la propria valutazione intorno ai 42.377,98 Dollari (circa 36.870,00 Euro). Oltre il 400% in più.
Se nel 2001 avessimo pagato la cena in metallo prezioso, avremmo avuto bisogno di 2,80 grammi di oro. Oggi invece ne sarebbero bastati 1,22 grammi.
Riassumendo la breve storiella, chiunque può notare due enormi evidenze:
1. l'aumento dell'inflazione, corrisponde ad un aumento esponenziale del valore dell'oro
2. l'oro è l'unico bene che non solo mantiene, ma nel medio-lungo periodo, aumenta il proprio potere di acquisto.

Ultime notizie

Leggi gli interventi, gli articoli e le ultime news sul mercato dell\'oro e le sue quotazioni LBMA.

Le riserve auree di Bankitalia

Quello che farà l’Italia delle sue riserve auree continua a essere un mistero. È di questi giorni la controversia sul possibile piano del governo per rivendicare la proprietà dell’oro che è gestito e controllato da Bankitalia. La banca centrale italiana fa infatti parte dell’Eurosistema e il governo giallo verde vuole assicurarsi di poter disporre delle proprie riserve auree in caso di bisogno.
La bozza di legge a cui ha lavorato Claudio Borghi della Lega potrebbe aprire la strada alla vendita – per legge costituzionale – di oro. Con la possibilità di rimettere in sesto le finanze pubbliche e disinnescare il temuto aumento dell’IVA.
Gli investimenti retail nei lingotti e nelle monete d’oro sono saliti del 4% a 1.090,2 tonnellate. Sorprende in particolare il boom del +222% della domanda proveniente dall’Iran (a quasi 62 tonnellate).
L’interesse degli investitori finanziari è stato invece moderato. I fondi comuni ETF hanno registrato 68,9 tonnellate in più nell’anno. La cifra risulta inferiore del 67% rispetto al 2017.

Oro rastrellato da banche centrali: mai tanti acquisti dal 1967

La quantità di oro acquistata dalle banche centrali ha raggiunto il picco dal 1967. L’anno scorso la domanda mondiale del metallo è cresciuta del 4%, secondo quanto riportato dal World Gold Council (WGC).
Il mondo ha consumato ben 4.345,1 tonnellate (metriche) di oro nel 2018, in aumento dalle 4.159,9 tonnellate dell’anno prima. È quanto emerge dall’ultimo report trimestrale pubblicato da WGC.
Ad alimentare la domanda per l’oro sono state le banche centrali, che hanno accumulato 651,5 tonnellate. Si parla del 74% in più rispetto al 2017 e il secondo numero più alto di sempre. Paesi come la Cina e la Polonia, ma anche la Russia, la Turchia e il Kazakistan, hanno accumulato riserve auree.

Fonte: Wall Street Italia
15 Febbraio 2019, di Daniele Chicca

Oro, cresce il sentiment degli investitori.

Secondo gli analisti di WisdomTree, gli investitori del metallo giallo hanno gradualmente aumentato il loro atteggiamento rialzista dalla prima metà del 2017, raggiungendo livelli record nel 2019

In un contesto di volatilità ciclica dei mercati, gli investitori cercano esposizioni sull’oro, un asset spesso considerato in ottica di copertura difensiva. Gli investitori in ETP leva long e short (S&L) hanno gradualmente aumentato il loro atteggiamento rialzista nei confronti dell’oro dalla prima metà del 2017, raggiungendo livelli record nel 2019. La leva media degli investitori sugli ETP sull’oro ha raggiunto il livello più alto di tutti i tempi, pari a 1,97x nel gennaio 2019.
Gli investitori in ETP azionari a leva S&L utilizzano il rally di gennaio per realizzare profitti e ridurre l’esposizione in futuro. Con la ripresa a gennaio del mercato statunitense (S&P +7%), gli investitori in ETP a leva long e short sembrano aver realizzato profitti, vendendo 4,3 miliardi di dollari di ETP a leva long, il secondo maggior singolo deflusso mensile dalla crisi finanziaria. Tenendo conto dei fattori di leva finanziaria dei prodotti venduti, ciò equivale a diluire le posizioni azionarie per 10,4 miliardi di dollari. Questi flussi potrebbero riflettere l’idea che il rally azionario di gennaio non continuerà. In effetti, gli investitori non solo hanno liquidato le posizioni a leva long, ma hanno anche aumentato le loro posizioni short in azioni di 2,4 miliardi di dollari nel mese di gennaio (un aumento del 20% nelle posizioni short). Tenendo conto dei fattori di leva dei prodotti short acquistati, ciò equivale all’acquisto di 5,8 miliardi di dollari di posizioni short in azioni.
Gli investitori in ETP a reddito fisso a leva long e short continuano a ridurre la loro esposizione short a reddito fisso negli Stati Uniti, con le posizioni scese ad un minimo da 10 anni e le posizioni short sui Bund tedeschi e i BTP italiani scese ai minimi da 2 anni. A gennaio gli investitori a leva long e short hanno riscattato 130 milioni di dollari detenuti in ETP short sul debito pubblico americano (6% del totale delle masse in gestione). Riteniamo che ciò rifletta le opinioni sempre più ribassiste degli investitori sul tasso d’inflazione e sul ritmo degli aumenti dei tassi d’interesse in corso negli Stati Uniti e in Europa.